Stefano Filipponi: carte vincenti per un possibile vincitore di X Factor 4?

22 anni, di Macerata. Studia Ingegneria a Montefano.

Studia musica da quando era ragazzino, per superare un suo… problema.

Si stenta a credere che da uno sguardo così impaurito e una voce così fragile nel parlare, escano canzoni cantate tutte di fila, e bene. Molto bene.

A cadere nel moralismo, nella retorica e nella smielosaggine più assoluta ci vuole pochissimo.

Alcuni dei giudici di X Factor 4 ci sono già caduti eccome. Sto parlando, ovviamente, di Anna Tatangelo o, per usare lo stesso appellativo irritante sfruttato da Facchinetti, Lady Tata. La Tatangelo usa nel parlare quella drammaticità a cui ci aveva già (purtroppo) abituato la D’Urso durante i suoi programmi-reality-spazzatura. L’ha usata, e continuerà a farlo, nei confronti di Stefano e di tanti altri personaggi con storie “tristi” o almeno “particolari”, o forse semplicemente storie normalissime, che sbattute in tv diventano drammi e trasformano le persone in casi umani.

In ogni caso, si potrebbe quasi pensare che questo Stefano abbia tutte le carte in regola per diventare il nuovo vincitore o quantomeno il nuovo “fenomeno di massa” di X-Factor.

Intanto balbetta. Tanto. Poi è timido, molto timido. Quale peculiarità del carattere migliore da esibire su un palco se non questa? Per dimostrare a tutti quanto i vocal coach, i motivatori, i giudici e tutto lo staff del programma siano abili e capaci di tirare fuori il meglio da ogni caso “difficile”, da ogni crisalide che trasformeranno furbescamente in farfalla?

Hanno già iniziato a plasmarlo a immagine e somiglianza di quello che diventerà il “personaggio” da vendere al pubblico. Gli hanno tolto quegli occhialetti tondi e marroncini che gli donavano un’aria ancora più debole. Occhiali da bimbo miope delle elementari, deriso dai compagni perchè costretto a portare lenti così spesse che i suoi occhi risulteranno abnormemente grandi, e impauriti. Ma quegli occhialetti brutti erano una sua scelta stilistica. Erano parte del suo carattere. Ebbene, glieli hanno tolti. Sostituendoli con quel modello che ormai ha stufato. Il modello squadrato, da “nerd”, lo stesso che gli “indie kids” portavano qualche anno fa per acquisire un’aria più interessante e che poi, per l’effetto “gregge di pecore”, hanno perso tutto di quell’interesse iniziale, risultando semplicemente ridicoli addosso a questi ragazzetti dalle frange troppo lunghe e troppo stirate.

L’hanno infilato dentro a una giacca argentata et voilà, il gioco è fatto: un’aria da finto-sofisticato con un pizzico di glamour. Non ci interessava. Lui sofisticato lo era già, nel suo essere così diverso da tutti gli altri, così poco desideroso di apparire, quanto piuttosto di esprimersi con l’unico mezzo che gli rende il compito più facile: il canto.

Quando parla gli riesce difficile non sono completare una parola, ma proprio iniziarla. Quando però poi ce la fa… è impossibile non sentire dentro quel qualcosa di caldo ..che a volte ci fa sgorgare del liquido trasparente dagli occhi.

[Non voglio usare la parola commozione, non voglio abbassarmi al livello che ho criticato qualche riga fa. Voglio però schierarmi con Mara M. e sperare che, personaggio “imbellettato e infiocchettato” a parte, Stefano Filipponi vinca mantenendo la sua “purezza”.]

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in massimo bianconi, musica e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Stefano Filipponi: carte vincenti per un possibile vincitore di X Factor 4?

  1. Pingback: I “pugni chiusi” di Nevruz, tra liti, trionfo e tragedia. [X-Factor 4] | Massimo Bianconi & the News

  2. Dal mio punto di vista ha grandi potenzialità, ma è giovane ed ha bisogno di tantissimo studio, veramente tanto. Anche se lo fa fin da piccolino, non è ancora abbastanza.
    Deve imparare a padroneggiare il suo strumento vocale, del quale penso nemmeno lui capisca a pieno la portata.
    Tralascio volutamente i problemi di balbuzie e la timidezza, parlo solo ed esclusivamente del canto.
    Non mi piace anche la connotazione da “caso umano” che stanno volutamente affibbiando al ragazzo… tenerlo fino alla fine come una lattina di cocacola sbattuta, proprio per creare l’effetto “ohhhhhhhhh….. piangiamo…..”.
    No, no, no. Non è giusto. Non è giusto soprattutto per lui. Non è un fenomeno da baraccone, è un ragazzo che ha un bel dono di base, ma che va seguito ed a cui deve essere insegnata la tecnica.
    Ho trovato mortificante renderlo una specie di nerd nel look…, la giacca argentata ed il pantalone corto poi… sembrava Pinocchio.
    Sono davvero irritata. Questa edizione sta prendendo, in tutto e per tutto, la linea guida di un reality, connotazione che non ha mai avuto e che lo rendeva un programma fantastico, totalmente incentrato sulla musica, sul canto e sullo studio.
    Non mi piace nemmeno il “day.time”.
    Doversi sentire tutte quelle chiacchiere, tutti i giorni, è una palla mostruosa.
    Ecco.

  3. bianconimassimo ha detto:

    Verissimo! Non potevi dire cose più gisute su Filipponi.
    Renderlo un pupazzo “triste” che quando si spinge un bottoncino parla e automaticamente piangono tutti, a comando, è triste. E renderlo forzatamente nerd chic nel look è ancora peggio.

    Per quanto riguarda il programma.. sì, era inevitabile che lo trasformassero in un reality. Una volta anche Amici era un programma “guardabile” e piacevole, si tratta di musica, recitazione, ballo. Poi è diventata una gara fra squadre e avanzava a suon di litigi. Vogliono gli ascolti, mia cara, e seguono la strada facile…
    Sigh..

    • Alba ha detto:

      Gli ascolti però non arrivano e non arriveranno mai scimmiottando Amici.
      Anche perchè la regina del trash di talent show è solo lei, Maria De Filippi. Lo dico seriamente e senza ironia. Non vedo perchè la gente deve vedere la brutta copia di Amici su Raidue quando c’è l’originale.
      Dalla Tata non mi aspettavo niente di niente, quindi non sono sopresa. Da Ruggeri mi aspettavo la stessa identica cosa che sta facendo, cioè cercando di immitare Morgan nelle scelte musicali e nel cercare di dire qualcosa di diverso dagli altri 3, ma senza riuscirci. Sembra patetico.

      Elio devo dire che è la mia delusione. Peccato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...